NEWS: FARMACI: FANS POSSONO AUMENTARE RISCHIO INFARTO E ICTUS | 30.09.2011

 Londra, 29 set. - Un nuovo studio internazionale rileva che gli antidolorifici e gli antinfiammatori molto comuni, i cosiddetti Fans (farmaci antiflogistici non steroidei), possono aumentare di un terzo il rischio di infarto o ictus. Alcuni ricercatori della Hull York Medical School, una joint venture tra le Universita' di Hull e di York, il NHS del Regno Unito e l'Institute for Clinical Evaluative Sciences in Canada, hanno passato in rassegna 51 studi su larga scala condotti sui Fans in Europa, USA, Canada e Australia. I risultati sono stati pubblicati online questa settimana sulla rivista PLoS Medicine. Dalla ricerca emerge che i pazienti con problemi cardiaci che hanno utilizzato Fans, hanno dimostrato un rischio significativamente piu' elevato di eventi cardiovascolari gravi, come infarto o ictus, rispetto ai pazienti che non li hanno utilizzati. Tuttavia, altri Fans comuni, tra cui naprossene e basse dosi di ibuprofene, non sembrano essere collegate a un aumento di questo rischio. "I Fans forniscono sollievo al dolore per milioni di pazienti con malattie infiammatorie croniche. Il rischio cardiovascolare - ha affermato Patricia McGettigan della Hull York Medical School - e' ben descritto, anche se spesso viene trascurato. Nella scelta dei molti Fans disponibili, i pazienti e i medici dovrebbero trarre beneficio dalla conoscenza del giusto equilibrio tra danni e benefici dei singoli Fans a seconda dei casi". Molte persone usano Fans per alleviare il dolore e per i loro effetti anti-infiammatori contro patologie come cefalea, artrite, dolore alla schiena, gotta e dolori influenzali. Nel 2010 nella sola Inghilterra sono state effettuate quasi 17 milioni di prescrizioni di Fans, cioe' uno ogni tre abitanti. Di questi, quasi 6 milioni, piu' di un terzo, hanno riguardato il diclofenac, 5 milioni per l'ibuprofene e 3 milioni per il naprossene. Tutti questi possono anche essere acquistati senza prescrizione medica. I ricercatori hanno scoperto che tra i Fans piu' comunemente utilizzati, il piu' alto rischio e' stato osservato per il diclofenac, che e' stato complessivamente collegato a un aumento del circa 40 per cento di un evento cardiovascolare come infarto o ictus. "In altre parole, un paziente su 50 potrebbe subire un attacco cardiaco evitabile. Si tratta di dati e informazioni importanti, in particolare se vi e' un'alternativa piu' sicura", ha aggiunto McGettigan. Il Fans piu' sicuro sembra essere il naprossene. La British Heart Foundation (BHF), ha esortato i pazienti che stanno gia' stanno assumendo Fans di non allarmarsi. "Come per ogni farmaco, ci sono benefici e potenziali rischi nel prendere degli antidolorifici", ha osservato Doireann Maddock, Senior Nurse della BHF. "Prima di prendere qualsiasi iniziativa - ha concluso - e' necessario parlare col nostro medico, perche' i benefici potrebbero superare i rischi".
Fonte: AGI Salute

Archivio news

Depressione madri, massima 4 anni dopo nascita primo figlio Depressione madri, massima 4 anni dopo nascita primo figlio | 22.05.2014
La depressione materna è più comune quattro anni dopo la nascita del primo figlio che in qualunque tempo nel suo primo anno di età. In un nuovo studio australiano di 1500 madri, il 10% delle donne ha...

Gel alle staminali per curare le fratture Gel alle staminali per curare le fratture | 22.05.2014
Addio placche e viti "alla Frankenstein" per ricomporre le fratture. In sala operatoria le ossa vengono riparate con iniezioni di staminali e gel salda-rotture. Una tecnica sperimentata nel Regno Unito, come riporta il...

Alzheimer: ogni 10 minuti un italiano perde la memoria Alzheimer: ogni 10 minuti un italiano perde la memoria | 27.09.2013
Sarà la malattia del futuro, il vero segnale dell’allungamento della vita media, prevista a 120 anni nel giro del prossimo cinquantennio. Ma c’è un ma: invecchiare ha un prezzo, si chiama Alzheimer e in...

  Pag 1 di 27   >

Web Agency E26 Napoli