NEWS: IL SONNO REGOLARE ALLONTANA I RISCHI DI ALZHEIMER | 28.09.2011

Washington, 27 set. - Il legame tra la malattia di Alzheimer e i disturbi del sonno sono sempre piu' evidenti. Alcuni ricercatori della Washington University School of Medicine di St. Louis hanno rilevato che un marker della patologia neurologica sale e scende nel fluido spinale secondo un modello quotidiano che riprende il ciclo del sonno. Secondo lo studio, la relativa inattivita' del cervello durante il sonno puo' offrire l'opportunita' di eliminare uno dei principali marcatori della malattia, un sottoprodotto dell'attivita' cerebrale chiamato beta amiloide. Lo studio e' stato condotto in collaborazione con il Centro del sonno dell'Universita' di Medicina di Washington. Nello studio, pubblicato su Archives of Neurology, gli scienziati riferiscono che i tassi normali dei livelli di beta amiloide nel liquido che circonda il cervello e nel midollo spinale cominciano ad appiattirsi nei piu' anziani i cui periodi di sonno sono spesso piu' brevi e piu' soggetti a interruzioni. Negli anziani con placche cerebrali legate al morbo di Alzheimer, il flusso e riflusso e' quasi soppresso e i livelli di beta amiloide sono vicini a una costante. "Nelle persone sane - dice Randall Bateman, professore di neurologia presso l'universita' americana - i livelli di beta amiloide toccano il loro punto piu' basso circa sei ore dopo il sonno, e ritornano al loro punto piu' alto sei ore dopo la veglia al massimo. Abbiamo esaminato molti differenti comportamenti, e le transizioni tra il sonno e la veglia sono stati fenomeni fortemente correlati con l'ascesa e la caduta di beta amiloide nel fluido spinale". "Sappiamo da tempo che la privazione del sonno ha significativi effetti negativi sulle funzioni cognitive, paragonabili a quelle da intossicazione da alcol", aggiunge Stephen Duntley, direttore del Centro del sonno dell'Universita' di Medicina di Washington. "Ma e' da poco diventato evidente che una prolungata alterazione del sonno possa effettivamente svolgere un ruolo importante nei processi patologici che sono alla base delle malattie. Questa connessione al morbo di Alzheimer non e' confermata ancora negli esseri umani, ma potrebbe essere molto importante". Gli scienziati hanno studiato tre gruppi di soggetti: un gruppo di eta' media di 60 anni, i cui membri sono risultati positivi alla presenza di placche di beta amiloide nel cervello; un gruppo nella stessa fascia di eta' che non hanno avuto placche; un ultimo di persone sane di eta' compresa tra 18-60 anni. I ricercatori hanno monitorato il beta amiloide nel liquido spinale per un periodo di 24-36 ore, e hanno videoregistrato l'attivita' neuronale dell'attivita' cerebrale durante questo periodo. Nel gruppo con placche cerebrali, i livelli di beta amiloide sono stati pressoche' costanti, mentre negli altri due si alzavano e abbassavano secondo un andamento sinusoidale. Gli alti e bassi di questo modello erano molto piu' pronunciati nei giovani. "E' ancora presto per dirlo, ma ci sono spunti interessanti per affermare che avere un sonno regolare puo' essere utile nel ridurre il rischio di malattia di Alzheimer", osserva Duntley. "Sappiamo da una serie di studi che l'esercizio fisico migliora il sonno, e la ricerca ha anche dimostrato che l'esercizio fisico e' associato a un ridotto rischio di Alzheimer".
Fonte: AGI Salute 

Archivio news

Depressione madri, massima 4 anni dopo nascita primo figlio Depressione madri, massima 4 anni dopo nascita primo figlio | 22.05.2014
La depressione materna è più comune quattro anni dopo la nascita del primo figlio che in qualunque tempo nel suo primo anno di età. In un nuovo studio australiano di 1500 madri, il 10% delle donne ha...

Gel alle staminali per curare le fratture Gel alle staminali per curare le fratture | 22.05.2014
Addio placche e viti "alla Frankenstein" per ricomporre le fratture. In sala operatoria le ossa vengono riparate con iniezioni di staminali e gel salda-rotture. Una tecnica sperimentata nel Regno Unito, come riporta il...

Alzheimer: ogni 10 minuti un italiano perde la memoria Alzheimer: ogni 10 minuti un italiano perde la memoria | 27.09.2013
Sarà la malattia del futuro, il vero segnale dell’allungamento della vita media, prevista a 120 anni nel giro del prossimo cinquantennio. Ma c’è un ma: invecchiare ha un prezzo, si chiama Alzheimer e in...

  Pag 1 di 27   >

Web Agency E26 Napoli