NEWS: Stop ai brutti ricordi, trovato meccanismo per cancellarli Sara' possibile anche rafforzare memoria in caso di malattie | 23.09.2011

- VENEZIA, 20 SET - Cancellare le memorie di lungo periodo, legate magari ad eventi traumatici, o al contrario rinforzarle quando iniziano a deteriorarsi a causa di malattie degenerative: non piu' fantascienza, ma un traguardo sempre piu' vicino. Un gruppo di neuroscienziati, guidato da Cristina Alberini, professore di Neuroscienze all'universita' di New York, ha scoperto il meccanismo base del processo di consolidamento di determinati ricordi, legato ad alcuni ormoni, come ha spiegato a Venezia alla conferenza 'The future of science'. ''Perche' una memoria diventi a lungo termine - spiega - serve un certo livello emotivo, di stress ed eccitazione''. Tuttavia, se lo stress diventa troppo elevato, ''si crea un deficit - continua - si interrompe il processo di apprendimento e il ricordo non si consolida.''. Alcune memorie, come quelle negative associate alla paura, sono ''legate al rilascio di ormoni, come il cortisolo e l'adrenalina. Noi abbiamo visto - precisa - che si puo' intervenire per ridurre o consolidare la memoria sfruttando una particolare finestra temporale. Dopo che il ricordo si e' formato, c'e' un momento in cui la memoria diventa labile prima di consolidarsi nuovamente. Proprio quando il ricordo e' labile, noi interveniamo con dei farmaci, bloccando, nel caso di ricordi negativi, i recettori del cortisolo. Se invece vogliamo rinforzare il ricordo, aggiungiamo il fattore di crescita IGF2, che aumenta' l'intensita' e la persistenza del ricordo''.
Fonte: ANSA Salute

Archivio news

Depressione madri, massima 4 anni dopo nascita primo figlio Depressione madri, massima 4 anni dopo nascita primo figlio | 22.05.2014
La depressione materna è più comune quattro anni dopo la nascita del primo figlio che in qualunque tempo nel suo primo anno di età. In un nuovo studio australiano di 1500 madri, il 10% delle donne ha...

Gel alle staminali per curare le fratture Gel alle staminali per curare le fratture | 22.05.2014
Addio placche e viti "alla Frankenstein" per ricomporre le fratture. In sala operatoria le ossa vengono riparate con iniezioni di staminali e gel salda-rotture. Una tecnica sperimentata nel Regno Unito, come riporta il...

Alzheimer: ogni 10 minuti un italiano perde la memoria Alzheimer: ogni 10 minuti un italiano perde la memoria | 27.09.2013
Sarà la malattia del futuro, il vero segnale dell’allungamento della vita media, prevista a 120 anni nel giro del prossimo cinquantennio. Ma c’è un ma: invecchiare ha un prezzo, si chiama Alzheimer e in...

  Pag 1 di 27   >

Web Agency E26 Napoli