NEWS: Piu' tendiamo a distrarci,piu' 'abile' e' il nostro cervello Solo una buona memoria di lavoro consente sogni a occhi aperti | 25.03.2012

Piu' distratti siamo e ci lasciamo andare ai sogni ad occhi aperti perdendo momentaneamente il filo di quel che stiamo facendo, meglio funziona il nostro cervello. Sembra un paradosso ma e' cosi': secondo uno studio pubblicato sulla rivista Psychological Science piu' la nostra mente divaga, maggiore e' la capacita' della 'Ram' del nostro cervello, ovvero della memoria di lavoro. Viceversa, se questa e' poco efficiente difficilmente riusciremo a pensare a piu' cose contemporaneamente senza perdere il filo. La ricerca e' stata condotta da Daniel Levinson e Richard Davidson dell'Universita' del Wisconsin-Madison. Capita che mentre stiamo portando a termine un lavoro ci ritroviamo a pensare alla lista della spesa e da li' a quello che prepareremo per cena. E' normale, diversi studi hanno dimostrato che la nostra mente divaga per meta' del nostro tempo. Ma come fa a farlo senza che noi diveniamo inconcludenti? La risposta e' in questo studio: gli esperti hanno coinvolto un gruppo di volontari ed hanno misurato con test ad hoc la capacita' della loro memoria di lavoro, cioe' della ram cerebrale che ci permette ad esempio di ricordare per un breve periodo un numero di telefono o un appuntamento, dandoci il tempo di comporlo o annotarlo. Una volta misurata la 'capienza' della loro memoria di lavoro i volontari hanno dovuto svolgere una serie di compiti semplici mentre i ricercatori misuravano la tendenza di ciascuno a distrarsi durante l'esecuzione delle prove. Ebbene e' emerso che piu' la capienza della loro ram era risultata elevata, maggiore era la tendenza di ciascuno a distrarsi e divagare pensando a piu' cose insieme ma restando comunque capace di non perdere il filo della sua attivita' principale del momento e quindi di portarla a termine.
Fonte: ANSA Salute

Archivio news

Depressione madri, massima 4 anni dopo nascita primo figlio Depressione madri, massima 4 anni dopo nascita primo figlio | 22.05.2014
La depressione materna è più comune quattro anni dopo la nascita del primo figlio che in qualunque tempo nel suo primo anno di età. In un nuovo studio australiano di 1500 madri, il 10% delle donne ha...

Gel alle staminali per curare le fratture Gel alle staminali per curare le fratture | 22.05.2014
Addio placche e viti "alla Frankenstein" per ricomporre le fratture. In sala operatoria le ossa vengono riparate con iniezioni di staminali e gel salda-rotture. Una tecnica sperimentata nel Regno Unito, come riporta il...

Alzheimer: ogni 10 minuti un italiano perde la memoria Alzheimer: ogni 10 minuti un italiano perde la memoria | 27.09.2013
Sarà la malattia del futuro, il vero segnale dell’allungamento della vita media, prevista a 120 anni nel giro del prossimo cinquantennio. Ma c’è un ma: invecchiare ha un prezzo, si chiama Alzheimer e in...

  Pag 1 di 27   >

Web Agency E26 Napoli